AIRE Pavimenti in resina - Almè BG Pavimentazioni in resina

Pro e contro dei pavimenti in resina

Vantaggi e svantaggi che è bene conoscere per poter effettuare una scelta consapevole

Scegliere un pavimento in resina non significa scegliere un pavimento prefinito, pronto all'uso nelle condizioni in cui viene campionato (come ad esempio: ceramiche, moquettes, pvc, laminati, ecc.). Al contrario, scegliere un pavimento in resina significa iniziare un percorso progettuale che porta, come risultato, alla messa in opera nel proprio ambiente di una soluzione unica ed irripetibile, tesa a soddisfare le esigenze estetiche e prestazionali richieste dal Cliente e al processo applicativo operato dall'applicatore.

In questo contesto, progettare un pavimento in resina significa valutare specificamente:

  • le prestazioni che il sistema deve avere (resistenze chimico-fisiche);
  • l'aspettativa estetica ricercata
;
  • i limiti di investimento economico
;
  • il supporto su cui si intende stedere il ciclo resinoso;
  • l'ambiente ed il microclima dove si intende operare.

Solo dopo un'attenta analisi delle variabili sopra indicate si può procedere con la definizione e la scelta del ciclo resinoso più idoneo a soddisfare le esigenze del Cliente.

 

Scegliere un pavimento in resina ti permette di creare una superficie:

Monolitica, senza soluzione di continuità
il pavimento si presenta senza giunti o fughe che limitano l'uniformità della superficie.
Resistente
alta resistenza meccanica, all'usura e agli agenti chimici.
Di basso spessore
lo spessore medio è di circa 3mm, e permette di evitare di dover intervenire su porte e portefinestre in fase di ristrutturazione.
Unica ed irripetibile
non esiste un pavimento identico ad un altro. Replicare un pavimento è pressochè impossibile, perfino per lo stesso applicatore. La soluzione diventa perciò una piccola opera d'arte sotto i vostri piedi, da vivere nella sua unicità.
Con numerosi effetti decorativi
in base alle esigenze estetiche del Cliente e alla scelta dei materiali, si possono ottenere numerosi effetti decorativi, dallo spatolato al nuvolato, dal monocromatico al "quadro d'autore".
Riflettente come uno specchio o opaca come il cemento
le finiture trasparenti protettive permettono di ricreare superfici con diverso grado di brillantezza, da lucido ad opaco, con un grado che copre un ampio spettro della scala Gloss (da 2% a 98%).
Colorata
le resine sono facilmente colorabili e si prestano ad infinite soluzioni creative, permettendo di personalizzare e rendere irripetibile ogni superficie.
Ruvida o completamente liscia
in base al ciclo scelto, è possibile creare una superficie ruvida (più materica) o completamente liscia, in base alle esigenze di pulizia richieste.
Durabile nel tempo
nell'uso normale, i pavimenti in resina resistono a lungo alle sollecitazioni sia chimiche che fisiche, prolungando nel tempo la vita del pavimento stesso.
Di facile pulizia
le resine non richiedono prodotti particolari per la loro pulizia in quanto, essendo impermeabili, non assorbono agenti esterni facilitando così la pulizia del pavimento.
Idonea a qualsiasi destinazione d'uso
residenziale, commerciale, idustriale, showroom, negozi, alberghi, ristoranti, bar, ville, appartamenti, meeting rooms, ecc.
Igienica
la superficie monolitica risulta impermeabile, senza fughe, senza fessure. Ciò comporta una maggiore rapidità nella pulizia e un'igiene superiore rispetto ad ogni altra superficie disponibile (ottima protezione contro muffe, umidità ed agenti batterici). Le resine correttamente applicate sono inodore, atossiche e non presentano emissioni nocive, rispondendo quindi alle più elevate esigenze di legge in caso di contatti con alimenti.
Rinnovabile
un pavimento in resina può essere riportato allo stato originale con pochi e semplici passaggi, senza dover riapplicare l'intero ciclo iniziale. Ciò comporta minori spese di ripristino ed infinite possibilità di rinnovo. La stesura di nuovi strati coprenti consente inoltre di cambiare facilmente il colore.
Sovrapponibile
i pavimenti in resina possono essere sovrapposti ai pavimenti esistenti, evitando la rimozione degli stessi, con un notevole risparmio di tempo e di denaro.
Riscaldante
il basso spessore e l'alta conducibilità termica garantiscono piena compatibilità con la presenza di sistemi radianti a pavimento. Inoltre, l'elasticità della resina non genera fessurazioni a causa degli sbalzi termici del riscaldamento.
 

I Contro di un pavimento in resina

L'invecchiamento dei pavimenti in resina

Sfatiamo un mito: la resina non è indistruttibile. E' resistente, supporta carichi elevatissimi e non si macchia, ma non è indistruttibile.

Come ogni materiale da pavimento è soggetta ad usura, più o meno accentuata in base all'uso cui è soggetta. Se nel settore industriale il suo invecchiamento viene visto come normale ciclo di vita del pavimento, nel settore civile/commerciale il decadimento estetico ha un peso elevato e può frenare la scelta di posare materiale resinoso in casa propria.

Di conseguenza, le maggiori resistenze all'utilizzo della resina derivano da timori di carattere pratico.

Un pavimento in resina va vissuto come un normale altro pavimento di media resistenza, quali legno e pietra, con il grande vantaggio delll’impermeabilità totale e dell'unicità estetica.

L'invecchiamento generato da graffi, abrasioni, cadute accidentali di oggetti è parte integrante del prodotto e, anche se fastidioso, deve essere visto come normale sviluppo del ciclo di vita del pavimento. I segni del tempo risulteranno più evidenti su pavimenti cromaticamente uniformi e lucidi, dove anche la minima imperfezione tende a risaltare. Un pavimento spatolato e opaco maschera in modo molto più concreto l'invecchiamento e garantisce un ciclo di vita molto più lungo. Analogamente, zone più trafficate (pedate delle scale, zone d'ingresso) tendono ad invecchiare prima rispetto alle zone a basso traffico.

Anteporre adeguate zone filtro (zerbini) agli ambienti pavimentati con resine riduce ampiamente il rischi di graffi e mantiene brillante nel tempo l'aspetto del manto.

Il ripristino fisico del pavimento è un'azione che, anche se veloce ed economica, viene richiesta raramente, e solo dove le condizioni estetiche risultano gravemente compromesse da aggressioni chimico/fisiche piuttosto importanti.

Supporti non idonei

Non avendo un proprio corpo, la resina risente particolarmente dello stato del supporto su cui andrà stesa. Rotture, crepe e microcavillature sono inestetismi non intrinseci alla resina (se applicata correttamente, secondo le normali buone norme) e derivano nella quasi totalità dal movimento del supporto a cui sono ancorate.

Valutare correttamente il sottofondo e progettare un ciclo applicativo idoneo al supporto presente permette di eliminare la maggior causa di problemi post-posa di un pavimento in resina.

Ingiallimento del pavimento in resina

Probabilmente il più grosso problema che affligge le resine (solo epossidiche) è la limitata resistenza ai raggi UV, che ne determinano l'ingiallimento precoce.

Oggi esistono additivi antiUV ritardanti, capaci di preservare nel tempo l'aspetto cromatico originale del pavimento, ma non eliminano il problema. Decidere di posare un pavimento in resina epossidica significa essere consapevoli di addossarsi il problema del viraggio del colore in breve tempo.

E' ovviamente consigliabile progettare il pavimento con colori tendenti al paglia, per rendere meno fastidioso il fenomeno e non richiedere colorazioni molto chiare (es: bianco).

Le resine poliuretaniche, cementizie ed acriliche non soffrono di questo problema.

 
Ti informiamo che nel nostro sito web sono attivi i cookie. Continuando a navigare sul nostro sito, accetti implicitamente l’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni OK